Risotto cacio pepe cozze vin cotto di fichi

Buongiorno amici, come ben sapete, vado matto per i risotti, specialmente se hanno dei contrasti particolari, con dei sapori unici, texture particolari. Oggi vi propongo un risotto davvero gustoso, che io amo particolarmente (soprattutto la versione originale) che potrete ricreare anche nella sua variante con un bello spaghetto di Gragnano o un rigatone. Insomma siete pronti per questo viaggio??? Buona lettura.

2 porzioni
160 g
riso carnaroli
400 ml
brodo vegetale
1
limone
15
cozze
q.b.
vin cotto di fichi
q.b.
pecorino romano
60 g
burro ghiacciato
q.b.
pepe nero (io ne vado matto)
Passaggio 1 di 3

Per prima cosa apriamo le cozze in padella, con un filo d'olio evo, copriamo con un coperchio, cuociamo a fuoco basso, appena si aprono, le puliamo a frutto, le copriamo, filtriamo l'acqua di cottura delle stesse.

Passaggio 2 di 3

Adesso partiamo con il risotto, teniamo sul fuoco il brodo vegetale che deve essere sempre bollente, per non bloccare la cottura del riso, nel frattempo in un tegame tostiamo il riso con un filo d'olio, per 2 minuti a fiamma medio/alta, dopodiché sfumiamo con un alcolico (vino, birra, rhum, vodka) aggiungiamo 3 mestoli di fondo vegetale partiamo con la cottura. Verso metà cottura (7 minuti) versiamo l'acqua filtrata delle cozze, una spolverata di pepe nero, lasciamo un po' indietro con il sale il riso, perché poi aggiungeremo il pecorino.

Passaggio 3 di 3

A fine cottura, togliamo dal fuoco il risotto, aggiungiamo le cozze (lasciandone 4 da mettere sul piatto), le zest di limone, mantechiamo con il pecorino e burro, un'altra spolverata di pepe nero. Impiattiamo aggiungendo le restanti cozze, qualche goccia di vin cotto di fichi, che renderà il piatto davvero unico. Il vostro chef vi consiglia di degustare questo piatto con un ottimo vino rosato ben freddo, o un rosso non troppo corposo! Buon appetito dal vostro chef.

avatar-CVC
user badgeuser badgeMaster of Ricette: il master of ricette è un utente che scrive sempre ricette gustosissime senza mai sbagliare una virgola.