Ricetta Giuggiole sciroppate di _paola_catalano

354

Dolci

Giuggiole sciroppate

1h 10m
Facile

È un frutto saporito, aiuta il nostro metabolismo, aumenta la resistenza e la forza muscolare. In Oriente questa pianta viene utilizzata (foglie, radice, corteccia, rametti) come tonico, per trattare le scottature, come depurativo del fegato, nelle anemie, nelle nefriti, nei disturbi nervosi, per eliminare l’insonnia e le palpitazioni. La giuggiola può essere consumata cruda, ma i suoi benefici vengono potenziati se viene elaborata attraverso la bollitura, cottura, stufatura o essiccazione.

È un frutto saporito, aiuta il nostro metabolismo, aumenta la resistenza e la forza muscolare. In Oriente questa pianta viene utilizzata (foglie, radice, corteccia, rametti) come tonico, per trattare le scottature, come depurativo del fegato, nelle anemie, nelle nefriti, nei disturbi nervosi, per eliminare l’insonnia e le palpitazioni. La giuggiola può essere consumata cruda, ma i suoi benefici vengono potenziati se viene elaborata attraverso la bollitura, cottura, stufatura o essiccazione.

Utente Paola Catalano
Ottimo frutto .....una volta essiccato somiglia al dattero
- Paola Catalano

Passaggi

Istruzioni dettagliate per preparare: Giuggiole sciroppate

Passaggio 716 della ricetta Giuggiole sciroppate

1 di 7

mettere lo zucchero ed acqua in una padella fare sciogliere lo zucchero per 10 ma nutu poi unire le giuggiole , portare a bollore e cuocere per 10 minuti.

Passaggio 717 della ricetta Giuggiole sciroppate

2 di 7

Trasferire le giuggiole nei barattoli sterili e chiudere bene.

Passaggio 718 della ricetta Giuggiole sciroppate

3 di 7

Mettere i barattoli in una pentola d'acqua, coperti fino al tappo.

Passaggio 719 della ricetta Giuggiole sciroppate

4 di 7

Coprire e fare bollire per 20 minuti.

5 di 7

Lasciare i barattoli nella pentola , fino a completo raffreddamento.

Passaggio 721 della ricetta Giuggiole sciroppate

6 di 7

Riporre in un luogo fresco

Passaggio 722 della ricetta Giuggiole sciroppate

7 di 7

Gustare dopo almeno 2/3 settimane.

Commenti (0)

tags