Ricetta Sfince di San Giuseppe di cucina_di_casa

497

Dolci

Sfince di San Giuseppe

2h
Media

Sono morbide frittelle farcite di crema di ricotta e decorate con granella di pistacchi, ciliegie e scorza d’arancia candita. Il nome delle Sfince di San Giuseppe deriverebbe dal latino spongia, oppure dall’arabo isfanǧ. Hanno entrambi lo stesso significato di  “spugna”, poiché la morbidezza della frittella ricorda appunto quella di una spugna. Dolce tipico siciliano.

Sono morbide frittelle farcite di crema di ricotta e decorate con granella di pistacchi, ciliegie e scorza d’arancia candita. Il nome delle Sfince di San Giuseppe deriverebbe dal latino spongia, oppure dall’arabo isfanǧ. Hanno entrambi lo stesso significato di  “spugna”, poiché la morbidezza della frittella ricorda appunto quella di una spugna. Dolce tipico siciliano.

Passaggi

Istruzioni dettagliate per preparare: Sfince di San Giuseppe

Passaggio 1 della ricetta Sfince di San Giuseppe

1 di 5

Mettete sul fuoco un tegame dal bordo molto alto con lo strutto e fatelo sciogliere. Quando avrà raggiunto la temperatura di 165° gettatevi l'impasto a cucchiaiate e fate gonfiare e dorare per circa 10 minuti. Durante la cottura colpitele con il manico di un cucchiaio di legno così gonfieranno. Quando saranno cotte, adagiatele sulla carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso.Cuocete 3 sfinci al massimo per volta.

Passaggio 2 della ricetta Sfince di San Giuseppe

2 di 5

Buon appetito!!

Passaggio 3 della ricetta Sfince di San Giuseppe

3 di 5

Preparate la crema di ricotta. Mettetela in un colino a sgocciolare il siero. Poi versatela in una ciotola e mescolatela con lo zucchero. Passatela al setaccio per ottenere una crema liscia e omogenea. Unite gocce di cioccolato e ponete in frigo.

Passaggio 4 della ricetta Sfince di San Giuseppe

4 di 5

Farcire con la crema di ricotta sulla superficie e decorate con la frutta candita e la granella di pistacchi.

Passaggio 5 della ricetta Sfince di San Giuseppe

5 di 5

Mettete in una casseruola l'acqua, il sale, lo strutto e portate ad ebollizione, mescolate e poi versate la farina in un colpo solo. Lavorate energicamente fino a che la pasta si staccherà dalle pareti della casseruola. Togliete la casseruola dal fuoco e fate intiepidire. Mettete l'impasto in planetaria e aggiungete un uovo alla volta, lavorando sempre per farli incorporare completamente. Alla fine incorporare il bicarbonato.

Commenti (2)

tags