Cheesecake pesche e amaretti

Torta fresca e senza cottura, ideale per l'estate! Buona preparazione :)

6 porzioni
100 g
oro saiwa
25 g
burro
250 g
philadelphia light
200 g
panna zuccherata
25 g
zucchero
8 g
gelatina
1
pesca
7
biscotti amaretti
q.b.
marmellata di pesche
Passaggio 1 di 4

Per prima cosa prepariamo la base. Sciogliamo il burro a bagnomaria, una volta fuso lasciamolo raffreddare per qualche minuto. Intanto sbricioliamo in polvere gli oro saiwa, e uniamoci poi il burro fuso mescolando per far compattare il composto. Prendiamo una tortiera (diametro 18-20 cm), possibilmente con cerniera apribile, foderiamo il fondo e versiamo dentro il composto compattandolo con l'aiuto di un cucchiaio. Lasciamolo riposare in frigorifero per almeno un'ora.

Passaggio 2 di 4

Successivamente prepariamo la crema. Prendiamo metà pesca, togliamo la buccia e una volta tagliata a pezzettini frulliamola. Aggiungiamo quindi la gelatina istantanea in polvere e lasciamola riposare (nel caso utilizzaste i fogli di gelatina, fate scaldare leggermente la pesca frullata e poi sciogliete al suo interno due fogli di gelatina strizzati). Intanto in una ciotola mischiamo il philadelphia con lo zucchero amalgamandoli tra loro e ammorbidendo il composto, aggiungiamo quindi la pesca frullata con la gelatina e mescoliamo. In una ciotola a parte montiamo la panna e aggiungiamola poco alla volta alla crema precedentemente preparata, mescolando delicatamente per evitare di smontare la panna.

Passaggio 3 di 4

Passata un'ora, togliamo la base dal frigorifero. Copriamo la base con uno strato di marmellata di pesche, versiamo quindi metà della crema. Stendiamo ancora uno strato di marmellata e 4-5 amaretti sbriciolati. Lasciamo riposare in frigo per una mezz'ora e successivamente versiamo la restante crema. Facciamo riposare la cheesecake in frigorifero per 4-5 ore.

Passaggio 4 di 4

Per servirla, togliamo delicatamente la cerniera utilizzando un coltello scaldato sotto l'acqua calda per staccare la crema dal bordo. Decoriamo a piacere con la pesca rimasta e gli amaretti.